PICCOLO TEATRO L’ULTIMO METRO’

Categories: B

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il progetto prevede la trasformazione dell’edificio dell’ex acquedotto in spazio polivalente per attività culturali. Lo spazio sarà attrezzato per contenere un numero di circa 100 spettatori e sarà attrezzato con un palcoscenico mobile modulare che potrà avere dimensioni variabili di ml 6×4 o di ml 8×6 in funzione delle necessità e sarà realizzato in legno ignifugo con un’altezza di 60cm.

Le tipologia delle sedie ne consentirà la facile rimozione in modo che la sala possa essere facilmente riallestita per accogliere anche attività ti tipo espositivo.
Lo spazio interno, allestito in modo semplice e all’insegna della flessibilità degli usi, è caratterizzato dalla presenza di una grande tenda a sviluppo circolare posizionata a poco più di 2ml da terra. In questo modo, senza costituire un impedimento al deflusso degli spettatori in caso di emergenza, la tenda delimiterà lo spazio della platea contribuendo a garantire i necessari requisiti acustici.
L’oscuramento sarà garantito mediante la realizzazione di pannellature in legno e tela opaca che potranno essere facilmente montate e smontate in funzione della necessità di illuminazione richiesta dall’attività espositiva o al contrario garantendo un a condizione di buio richiesta dall’attività teatrale.
L’intervento prevede la realizzazione dell’impianto di riscaldamento e di raffrescamento di cui oggi l’edificio è totalmente privo. La pompa di calore sarà posizionata nell’addiacente ex cabina elettrica oggi dismessa da cui si dirameranno le canalizzazioni all’interno della sala. Si prevede inoltre il completo rifacimento dei bagni destinati al pubblico
e agli attori predisposti con la necessaria dotazione per i disabili. L’impianto elettrico verrà adeguato alle necessità della nuova destinazione d’uso con particolare riferimento alla dotazione tecnica per lo spazio di scena.
Sarà necessario realizzare inoltre l’impianto fonico ed illuminotecnico, comprensivo della struttura di allestimento scenico (“americana2) per sostenere l’apparato illuminotecnico sopra al palcoscenico e l’impianto di video proiezione.
Attualmente lo spazio esterno è utilizzato come piazzale di parcheggio ed è interamente asfaltato. Tale assetto appare evidentemente poco congruente con l’idea della riqualificazione dell’area e della valorizzazione della memoria storica del castello.
Pur garantendo l’accessibilità funzionale alle attività del nuovo polo culturale, si uspica naturalmente che possa essere realizzato in futuro da parte del comune un intervento di riqualificazione delle aree esterne come area verde di uso pubblico.

Would you like to comment?

Lascia un commento